Martedì, 10 Dicembre 2013 06:40

RFC 1925

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Le 12 verità sulla gestione della rete
Network Working Group R. Callon, Editor
Request for Comments: 1925 IOOF
Category: Informational 1 April 1996

  1. Deve Funzionare.
  2. Per quanto ti ci impegni e qualunque sia la priorità che gli assegni, non riuscirai mai ad aumentare la velocità della luce.
    • (corollario). Per quanto ci provi, non riuscirai comunque a fare un bambino in meno di 9 mesi. Cercare di rendere più veloce il procedimento *potrebbe* renderlo più lento ma non lo farà in alcun modo accadere più in fretta.
  3. Con le giuste motivazioni, i maiali possono tranquillamente volare. Comunque, ciò non vuol dire che sia una buona idea. È difficile prevedere dove atterreranno e potrebbe essere pericoloso passare sotto di loro mentre ci svolazzano sopra.
  4. Alcuni aspetti della vita non possono essere apprezzati o capiti appieno a meno che non vengano sperimentati in prima persona. Alcuni aspetti della gestione delle reti non potranno mai essere capiti appieno da chiunque non produca apparati commerciali di rete o che non gestisca un rete operativa.
  5. È sempre possibile accorpare diversi differenti problemi all'interno di una singola, complessa e interdipendete soluzione. Nella maggior parte dei casi, questa è una pessima idea.
  6. È molto più semplice spostare un problema (per esempio, spostandolo in una parte differente dell'architettura della rete) che risolverlo e basta.
    • (corollario). È sempre possibile aggiungere un nuovo livello di complessità.
  7. Qualcosa c'è sempre
    • (corollario). Buono, Veloce, Economico: scegline due qualsiasi (non puoi averli tutti i tre).
  8. È più complicato di quanto possa sembrare
  9. Per quante risorse tu possa avere, saranno necessarie altre
    • (corollario) Il tempo necessario per risolvere un qualsiasi problema di rete sarà sempre maggiore di quello che sembrerebbe corretto.
  10. Non esiste una taglia unica per tutti
  11. Ogni vecchia idea verrà riproposta con un nome diverso e una con una nuova presentazione, senza tenere in conto il fatto che possa o meno funzioninare
    • (corollario) Vedi corollario alla regola 6
  12. Nella definizione dei protocolli la perfezione è stata raggiunta non dove niente è stato lasciato da aggiungere ma dove non è rimasto nient'altro da eliminare.
Letto 41452 volte Ultima modifica il Martedì, 10 Dicembre 2013 06:41

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Login Form